La denuncia – A raccontarlo su Facebook è stato lo stesso don Emanuele Rosanova, parroco della chiesa del Corpus Domini di Gragnano: “Purtroppo devo denunciare un fatto deprecabile. Essendo la chiesa aperta, è stata asportata dall’altare la cassetta contenente le offerte. Fatto ignobile e spregevole”. I fondi, ricorda don Emanuele, “servono a dar speranza a Dorita, di cui conosciamo lo stato di salute”.

 

 

“Semplici cisti” – Dorita Delle Donne, che vive da sei anni a Londra, racconta la battaglia contro il cancro sul suo profilo Instagram. La diagnosi è arrivata la scorsa estate, dopo una vacanza in Sardegna. Alcuni mesi prima aveva effettuato alcuni controlli per un gonfiore al seno sinistro, ma all’ecografia non è risultato nulla di allarmante. Semplici “cisti benigne”, le avevano detto.

 

La diagnosi di tumore – Dato che il gonfiore non accennava a diminuire, al rientro a Londra Dorita ha fatto una nuova visita, dove le è stato trovato qualcosa di sospetto. Era un carcinoma mammario avanzato praticamente inoperabile, essendo triplo negativo, con diffusione ai linfonodi circostanti e metastasi al fegato, al pancreas e alle ossa.

 

 

L’appello – “Le aspettative di vita con il tumore più aggressivo e invasivo che si conosca, refrattario alla chemio tradizionale, sono piuttosto brevi. Una condanna a morte come questa non si può accettare passivamente alla sua età, con una vita ancora tutta da vivere”, recita il testo a corredo della raccolta di fondi online, a cui tutti possono partecipare con una propria donazione.

Read More

Generated by Feedzy