Le forze armate della Repubblica di Cina, il nome ufficiale di Taiwan, hanno utilizzato “trasmissioni di allerta, aerei, navi militari di pattuglia e sistemi missilistici terrestri in risposta alla situazione”.

 

Gli Usa incontrano gli alleati nell’Indo-Pacifico – Dopo aver ribadito il loro sostegno a Taiwan, gli Stati Uniti consultano i loro alleati nell’area indo-pacifica per valutare le mosse da opporre alla Cina. Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha incontrato gli omologhi di Australia e Giappone, Penny Wong e Hayashi Yoshimasa, in Cambogia. Le parti hanno ribadito il loro impegno a rafforzare la cooperazione nella regione, sulla base “dei valori condivisi di libertà, stato di diritto e democrazia che sono alla base del nostro legame”. I tre ministri hanno anche ribadito la centralità dell’Associazione nell’area indo-pacifica e il significativo contributo derivante dalla partnership con le nazioni insulari dell’Oceano Pacifico.

 

 

La strada della diplomazia – Particolare attenzione è stata dedicata alla necessità di garantire la pace e la stabilità nello stretto di Taiwan. Le parti hanno ribadito l’importanza della diplomazia per evitare nuove tensioni. I tre ministri hanno poi espresso preoccupazione in merito alle recenti attività militari cinesi nello stretto, come l’organizzazione di esercitazioni a fuoco vivo o il lancio di missili balistici.

Read More

Generated by Feedzy