(Adnkronos) – Torneranno ad aumentare i crediti deteriorati nei bilanci delle banche italiane. Nel triennio 2022-2024 sono attesi 82 miliardi di euro di nuovi flussi di crediti deteriorati, con un incremento di 10 miliardi, con un picco previsto nel 2023. È quanto prevede il Market Watch Npl di Banca Ifis, presentato durante i lavori di ‘Future Proof’, l’11esima edizione dell’Npl Meeting organizzato dall’istituto, svoltosi oggi a Villa Erba, Cernobbio, sul lago di Como. Alcuni elementi di stabilità dell’economia italiana, secondo il rapporto, potranno mitigare l’incremento: la ricchezza e il modesto indebitamento delle famiglie, la resilienza delle imprese che continuano a investire, gli interventi pubblici e il miglioramento della solidità e redditività delle banche che già alla fine del 2021 avevano raggiunto un Npe ratio del 4,1%, inferiore al target Eba del 5%. Un dato che alla fine di quest’anno, secondo le stime, scenderà al 3,2%.Read More

Generated by Feedzy