Il parere dei consulenti – “Dall’esame della documentazione sanitaria – scrivono gli esperti – si ritiene che sussista un nesso causale tra condotte omissive dei sanitari e il decesso del giovane paziente”. 

 

I genitori, assistiti dall’avvocato Giuseppe Badolato, erano ricorsi in sede civile contro l’azienda socio sanitaria di Melegnano e della Martesana. I consulenti chiariscono inoltre che le probabilità di sopravvivenza sono maggiori nei pazienti giovani, soprattutto quando la diagnosi viene effettuata in tempo e l’intervento viene eseguito tempestivamente evitando che l’intestino vada incontro a necrosi. 

 

Read More

Generated by Feedzy